La regola dei 5 secondi per il cibo caduto a terra

La leggenda

In molti – sopratutto a casa – crediamo nella regola dei 5 secondi, quando un qualche alimento cade a terra solitamente lo si cerca di raccogliere nel minor tempo possibile.. una soffiata nella parte caduta e via.

Non è cosi, a spiegarcelo è uno studio pubblicato su Applied and Environmental Microbiology da alcuni ricercatori della Rutgers University del New Jersey.

Gli esperimenti

Per trovare una risposta gli scienziati Americani hanno creato più di 120 diversi scenari e combinazioni tra batteri e superfici, incrociando tutte le possibili caratteristiche, utilizzando: quattro superfici, cioè acciaio inossidabile, piastrelle di ceramica, legno e moquette; quattro alimenti, cioè cocomero, pane, pane e burro e caramelle gommose; quattro tempi di contatto ovvero meno di un secondo, 5, 30 e 300 secondi; e due diversi terreni di coltura per batteri.

I risultati finali hanno dimostrato, a discapito del mito dei 5 secondi, che la maggior parte degli alimenti viene contaminato in meno di 1 secondo. Ovviamente il tipo e la modalità di contaminazione varia in base alla durata, ma sopratutto al tipo di superficie.

Come riporta l’Huffingtonpost: Dai risultati è emerso che l’anguria ha avuto il più alto tasso di contaminazione, mentre le caramelle gommose il minore. Inaspettatamente, hanno scoperto che il tappeto ha una velocità di trasferimento più bassa rispetto alle piastrelle in ceramica e acciaio, quella del legno, invece, è variabile.Il passaggio di batteri dalle superfici al cibo è influenzata dall’umidità – ha specificato l’esperto Schaffner -. I batteri non hanno le gambe, si muovono con l’umidità: più il cibo è umido, maggiore è il rischio. Grazie ai risultati che abbiamo raccolto, possiamo affermare che un’esposizione maggiore provoca una maggiore contaminazione, ma questo non significa che in un lasso di tempo più limitato i rischi si annullano. La contaminazione può anche essere istantanea”.

Se oggi vi cadrà un pezzo di pane per terra, pensateci bene prima di raccoglierlo..

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *