Pesce crudo super fresco? È Illegale..

La verità finale

-“Questo carpaccio è di pesce fresco?”

-“MA CERTO, CHE DOMANDE… È FRESCHISSIMO“.

-“Perfetto lei è in arresto!”

Il catastrofismo dei tempi nostri, mi fa scrivere cose come la precedente, ma anche se esagerata è la verità.

Ormai è chiaro a tutti, gli Italiani non possono più fare a meno del pesce crudo, carpacci, sushi, sashimi e maki essendo ormai al centro della nostra alimentazione, forse più per moda che per gusto.

Quando si consuma pesce crudo è fondamentale fare delle considerazioni:

  • La provenienza del pesce
  • La qualità
  • La conservazione

L’ultimo punto è quello che più voglio prendere in considerazione.

I Fondamentali

La conservazione di ogni alimento, qualunque ingrediente, dal pesce alla carne passando per le verdure, va fatta a dovere seguendo regole e norme ben precise.

Infatti una mal-conservazione delle materie prime può portare a problemi gravissimi, dati dall’insorgere di batteri, vermi e quant’altro che possono danneggiare il nostro corpo e portare, in rari casi, a gravi patologie.

Tornando alla moda del 21esimo secolo, più comunemente chiamata “pesce crudo”, esiste una legge Italiana per tutelare la salute del consumatore finale.

La rivista Dissapore ci spiega infatti che:

“La legge italiana anti-infezione, in vigore da 15 anni, costringe chi somministra prodotti ittici crudi a utilizzare pesce congelato o a congelarlo per 24 ore a meno 20 gradi. Soltanto dopo può essere servito (per questo motivo nelle cucine dei ristoranti è comparso l’abbattitore, il congelatore che abbassa la temperatura del pesce in tempi rapidissimi).     In pratica il pesce crudo quando è fresco, cioè appena pescato, è illegale. Diciamolo meglio: quando al ristorante ordiniamo un carpaccio di pesce spada, una tartare di tonno, le alici marinate o il sushi (ancora lui), chiediamo intransigenti che sia pesce fresco. Il ristoratore risponde: “Che domande, certo che è fresco, freschissimo”.

I ristoranti si stanno ormai adeguando al sistema, mentre per quanto riguarda quello che facciamo a casa le regole sono pressoché le stesse:

Anisakis

Surgelare sempre il pesce se consumato crudo per almeno 96 ore prima dell’uso, fare sempre attenzione ad eventuali Anisaki presenti sul pesce

(facilmente riconoscibili con un analisi visiva).

 

Bob

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *