Risotto

In molti vorrebbero riuscire a cucinare un risotto perfetto come nei grandi ristoranti classici, e si può fare, senza ovviamente il bimbi… per favore.
I punti fondamentali per un risotto con i controco****ni non sono molti, ma tutti necessari:

Penso sia la preparazione italiana più interessante dal punto di vista delle possibilità che un risotto13187950_134135843659096_2001894557_n possa dare, per varietà di ingredienti e per differenze di tecniche utilizzabili.

In molti vorrebbero riuscire a cucinare un risotto perfetto come nei grandi ristoranti classici, e si può fare, senza ovviamente il bimbi… per favore.

I punti fondamentali per un risotto con i controco****ni non sono molti, ma tutti necessari:

  • Il tipo di riso: Fondamentale utilizzare un riso con un chicco medio, e non lungo, la qualità di riso perfetta è il carnaroli!
  • Il tempo di cottura: Dipende ovviamente dal riso che si utilizza ma per la cottura del riso escludano la mantecatura solitamente non devono essere superati i 13/14 minuti.
  • Il brodo, se si esegue un brodo classico, il brodo deve essere leggero e non troppo saporito, ma pur sempre un brodo!

Ora vi descriverò due ricette del risotto alla milanese, una classica e una rivisitata con una tecnica utilizzata ormai in tutti i migliori ristoranti.

Metono classico:

Ingredienti:

  • 200 g di riso carnaroli
  • 1/4 di cipolla bianca
  • 1/2 bicchiere di vino bianco fermo
  • Zafferano, pistilli e polvere
  • 100 g burro
  • Parmigiano reggiano
  • Brodo di carne, leggero

Descrizione:

Preparare un brodo di carne leggero (<– ricetta ). Pelare e tritare finemente la cipolla bianca, in una pentola, preferibilmente un rondò, mettere un filo di olio EVO e 30 g di burro. Accendere il fuoco e rosolare la cipolla, quando ben rosolata, e non bruciata…, mettere tutto il riso e tostare, aggiungere un pizzico di sale ai chicchi di riso crudi, (Per definire che il riso sia ben tostato deve: essere di colore trasparente ed essere caldo al tatto). a questo punto sfumare con il vino, fare evaporare l’alcool e coprire con il brodo. Proseguire nella cottura aggiungendo mano a mano il brodo. Più o a meno a metà del tempo di cottura, aggiungere lo zafferano, prima quello in polvere poi eventuali pistilli. Terminata la cottura, togliere dal fuoco e mantecare con burro, parmigiano e aggiustare di sale.

Descrizione metodo alternativo:13473259_144812302592899_1990237728_n

La differenza di questo metodo sta all’inizio alla fine e al centro, ok è diverso. avrete bisogno di: burro acido e alcune piccole differenze pratiche nella metodologia usata.

Burro acido: Scaldare in un pentolino, tutto il burro e rosolarci la cipolla all’interno, quando ben cotta sfumare con il vino bianco e far evaporare l’acqua, raffreddare il composto. Una volta freddo, vedrete che il burro incomincerà a ritornare solido, formare un piccolo panetto e mettere il vostro burro acido in frigorifero

Procedimento:

Scaldare la vostra pentola senza nulla all’interno e metterci i chicchi di riso e farli tostare con attenzione senza bruciarli, a questo punto, salare leggermente i chicchi e coprire con brodo, continuare cosi fino alla fine della cottura, ricordarsi di aggiungere i pistilli e la polvere a metà del tempo. Una volta che il riso è cotto togliere dal fuoco e procedere con la mantecatura, utilizzare dunque il burro acido ottenuto in precedenza, 30 g di burro classico e parmigiano, coprire il risotto per due minuti, in modo da farlo riposare e renderlo omogeneo.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *